Costa Serena


Ghisonaccia| Ghisoni| Aleria| Prunelli di Fiumorbu| Piedicorte| Vezzani|

La Costa Serena è una regione unica per la sua bellezza, situata tra il mare e la montagna, a mezza strada tra Bastia e porto Vecchio. Immense spiagge di fine sabbia, villaggi vacanze, residence, camping, la Costa Serena offre un paesaggio fantastico.

costa_serenaIn questa regione dai grandi spazi, sarete inebriati dalle cavalcate in riva al mare e dai bagni nei numerosi fiumi che bagnano la Regione. Qui tutti i piaceri del mare, del sole, della buona tavola vengono esaltati. Le grandi tenute agricole producono saporiti pompelmi, clementine, kiwi, avocado e vini di buona qualità mentre le fattorie acquicole riempiranno il vostro piatto di frutti di mare e pesce.

Da Aprile a Ottobre le spiagge di Costa Serena vi invitano a praticare tutti gli sports favoriti: immersioni, sci nautico, surf, windsurf.

  Mare

Spiaggia di Vignale -La spiaggia di Vignale è accessibile dalla D244 chiamata "via del mare". Questa strada, che ha anche una pista ciclabile porta dal paese verso il mare. Lungo la costa ci sono numerosi villaggi e residence, che soddisfano una richiesta di circa 5000 posti letto. Un parcheggio gratuito permette un facile accesso alla spiaggia.

Spiaggia di Bravone e Linguizzetta - La Spiaggia di Bravone-Linguizzetta si estende su 2 chilometri di sabbia fine e verso sud è caratterizzata da qualche scoglio. Spiaggia ombreggiata, area di parcheggio. 

  Stagni

Stagno d'Urbinu - Sulla costa, lo Stagno d'Urbinu e lo Stagno di Diana dove si coltivano le ostriche dall'epoca romana. Lo Stagno di Urbinu è il secondo stagno più grande in tutta la Corsica. La sua superficie è di 750 ha. E' il paradiso di varie specie di uccelli. Sarete conquistati dalla sua bellezza e stuzzicati dal gradevole gusto delle ostriche. Lo stagno è costeggiato dalla vasta pineta di Pinia, ideale per la mountain-bike e le passeggiate a piedi.

Stagno di Palu - Lo Stagno di Palu è più piccolo e meno profondo rispetto agli altri stagni. I pescatori producono la bottarga, famosa bottarga corsa, chiamata anche caviale corso.

Stagno di Diana - Famoso per la coltivazione delle ostriche sin dall'epoca romana.

  Foreste

La foresta di Pinia - E' l'ultima grande foresta di pini marittimi del litorale corso. La vasta pineta di Pinia è fiancheggiata dallo stagno di Urbinu e da 3,5 chilometri di spiaggia. La sua ricchezza ecologica consiste nella presenza di numerose piccole zone umide e isole di querce verdi, ontani, pioppi bianchi che ospitano una fauna e una flora originali. In questa foresta abita in particolare il gufo comune, il falco lodolaio del litorale corso e i colombacci.

  Montagne

Col di Bavella - Le cime della Bavella raggiungono più di 1600 metri.

ACCESSO: a partire da Ghisonaccia, prendete la N.198, prima di raggiungere Solenzara, dopo il ponte girate a destra per la D.268 fino a raggiungere il Col di Bavella distante 30 km.

Il Monte Renosu - E' il più accessibile fra le più alte sommità della Corsica (2352 m). La sommità del Monte Renosu fa parte delle sei più alte cime della Corsica, insieme al Cinto, il Rotondo, il Paglia Orba, il Padru, l'Oru e il Renoso.

A partire da Ghisonaccia, prendete la D 344 per raggiungere il comune di montagna di Ghisoni (658 m), poi percorrere 6.5 chilometri in direzione del col del Verde (D69), girate a destra verso la stazione di sci (11 km), poi più avanti, prendete a destra la strada carrozzabile verso la "buvette".

  Paesi

Paesi - La Costa Serena raggruppa 33 Comuni della costa orientale Corsa:

Aléria -I primi turisti furono i Focesi che fondarono Aléria nel VI secolo A.C. Occupata di volta in volta dagli Etruschi, dai Cartaginesi e dai Romani, la città verrà alla fine rasa al suolo dai Vandali nel V secolo. Si può riscoprire la sua storia sul sito archeologico e nel museo di Aléria. Insediato nel forte di Matra, esso presenta in particolare delle stupefacenti ceramiche greche. Primo vescovado della Corsica, ad Aléria è sta costruita la prima chiesa (Saint Marcel) dell'isola, distrutta e ricostruita più volte riutilizzando le pietre della città romana. Nella sale del Museo Jérôme Carcopino sono esposti gli oggetti provenienti dagli scavi archeologici: ceramiche, anfore, monete, armi, monili, che illustrano la vita quotidiana del Mediterraneo e dell'Impero Romano.

Ghisoni - Più a sud, la regione di Ghisoni, grazioso paese del XVI secolo, offre, anch'essa, gite piene di scoperte in una delle più belle foreste di pini larici d'Europa. Da Ghisoni, raggiungete la stazione del Renoso ove, in inverno, potrete sciare nella splendida cornice di una natura incontaminata. E' il punto di partenza per la scalata sul Monte Renoso (2352 m) una delle cinque grandi vette della Corsica. Approfittatene per andare a vedere gli ovili dei Pozzi, torbiere che punteggiano con macchie blu il verde scintillante del muschio.

Gli altri Comuni:

Ampriani - Antisanti - Campi - Canale di Verde - Casavecchie - Chiatra de Verde - Chisa - Ghisonaccia - Isolaccio di Fium'Orbu - Linguizzetta - Lugo di Nazza - Matra - Möita - Pancheraccia - Pianello - Piedicorte di Gaggio - Pietra di Verde - Pietrapola les Bains - Pietraserena- Pietroso - Poggio di Nazza - Prunelli di Fiumorbu - San Gavino - Serra di Fium'Orbu - Solaro - Tallone - Tox - Ventiseri - Vezzani - Zalana - Zuani.

 






Corsica: | Ajaccio | Aleria | Bastia | Bonifacio | Bravone | Calvi | Cargese | Castagniccia | Ile Rousse | Lucciana | Macinaggio - Cap Corse | Marine de Farinole | Moriani Plage | Porto | Porto Vecchio | Saint Florent | Santa Lucia di Moriani | Sartene | Solenzara | Venaco |


KORSIKA.IT© 2005 - Costa Serena Grafica, webdesign, provider: MTPublisher